Il nostro sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti per inviare materiale informativo in linea con le tue preferenze.
Per maggiori informazioni e per negare il consenso al loro utilizzo leggi l'informativa.   Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Mercato Testaccio

Photogallery
1048
Mercato Testaccio
Piazza Testaccio 00153 Roma (RM) Lazio

Info Mercato

Descrizione:

Er core de Roma abita qui, a Testaccio. Un quartiere che è storia, addirittura leggenda, e fede calcistica. La squadra? Sarebbe impossibile non capirlo anche per chi arriva la prima volta. Gli intonaci dei palazzi, le strade, i portoni, tutto è giallorosso. - Nun ce toccate ’a Roma - grida con orgoglio il popolo testaccino che nel mitico stadio sotto al Monte dei Cocci ha visto nascere la propria amata creatura. E un’altra storica istituzione di Testaccio, il mercato rionale, che da Luglio 2012 ha una nuova casa vicino al vecchio Stadio dove Fulvio Bernardini faceva entusiasmare la gente romanista; una struttura moderna di ferro e vetro, costruita fra via Galvani e via Franklin sopra i resti dell’antichissimo mercato in cui nell’Antica Roma sorgevano i grandi magazzini, ospita i 120 banchi ed è illuminata anche di notte.

Banchi che invece, nella precedente sede coperta di piazza Testaccio, erano illuminati la mattina dai neon. Ed è proprio del vecchio mercato, quello coperto, che vogliamo ripercorrere le tracce dove tra cosci d’abbacchio e carciofi, pesce spada e puntarelle, richiami dall’accento inconfondibile e battute dall’umorismo bonario veniva a galla la romanità verace.

La ricetta per resistere alla concorrenza degli ipermercati e alla spinta dei cambiamenti è quella di accettare nuove modalità commerciali pur mantenendo questa imprescindibile identità.

Mauro Sartor, presidente dell'allora mercato e macellaio principe, ne è pienamente convinto sottolineando il ruolo sociale del mercato quale calmiere dei prezzi e fonte di risparmio per le famiglie.

- Da noi viene anche la pensionata… - dice e aggiunge - quando entro nei supermercati, guardo i prezzi e li confronto con i nostri. A parte qualche “specchietto per le allodole”, sono sempre più alti. Al supermercato prendi ‘l carrello e… chi te guarda, qui c’è
‘l saluto e poi… tutto il resto… -

Nelle parole si sente l’amore per l’istituzione nata quando Testaccio sorse nel ’21, scorporato dal quartiere Ripa.

- Una volta c’era un giardino - dice - e il mercato si svolgeva nel piazzale. Nel ’50 è stato coperto. I banchi di legno hanno lasciato il posto a quelli di ferro. - La qualità dei prodotti però è rimasta intatta con eccellenze nostrane o dal sapore esotico. Frutta e verdura freschissime, prevalentemente della campagna romana, messe in bella vista al centro del mercato da Gigi Massaro veterano dei prodotti degli orti, la carne di tutti i tipi compresa quella di cavallo e poi il pesce. Pesce che a Testaccio “sa de cinema”. Chi cerca spigole, pesce spada, tranci di tonno, alici e baccalà trova fianco a fianco due banchi che spiegano il perché. Da un lato il cugino di Marcello Mastroianni, suggestiva una foto che ritrae i due abbracciati e sorridenti, dall’altro Rosa Trinca, mamma dell’attrice Jasmine Trinca protagonista del film “Romanzo Criminale”.

E poi Testaccio e le scarpe, un binomio vincente. I banchi offrono una vasta scelta di calzature, soprattutto da donna, a prezzi vantaggiosi e anche qualche “chicca”, perché da “Cesare” trovi scarpe di marca e le paghi la metà. Il segreto? Va direttamente nelle aziende più rinomate e riesce ad accaparrarsi gli stock invenduti. - Il sabato, giorno di arrivo della merce, a comprà le scarpe da Cesare ce vie’ tutta Roma - dice Mauro Sartor.

La domenica il meritato riposo con un pizzico di nostalgia per chi passa e non sente la consueta “caciara”. Quindi si ricomincia. Il lunedì ognuno al proprio posto, per scambiare battute, sfottò e opinioni, e allora si avverte un umore diffuso, il risultato della “magica” a farla da padrone.  

Questa è il mercato coperto di piazza Testaccio...oggi, invece, il Nuovo mercato Testaccio è un'altra storia!

Dati aggiornati al 2011
© 2014 unicaitalia / methos / all right reserved
Oggetto aggiunto al tuo carrello