Il nostro sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti per inviare materiale informativo in linea con le tue preferenze.
Per maggiori informazioni e per negare il consenso al loro utilizzo leggi l'informativa.   Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Mercato Nomentano

All'ombra dello stabilimento Peroni risplende il mercato della tradizione

Photogallery
1063
Mercato Nomentano
Piazza Alessandria 00198 Roma (RM) Lazio

Info Mercato

Descrizione:

C’era una volta a Roma. Siamo agli inizi del ’900 e in Piazza Alessandria, in cui domina lo stabilimento della Birra Peroni, muove i primi passi il mercato “Nomentano”. Inizialmente all’aperto, poi inserito in una splendida struttura Liberty, rappresenta un pezzo di storia del commercio capitolino.

Oggi l’edificio della Peroni è una straordinaria testimonianza di archeologia industriale ed ospita il museo di arte contemporanea, mentre nel mercato i segni della tradizione si mescolano a quelli legati alle trasformazioni del costume sociale. La qualità dei prodotti e del servizio sono il trait d’union tra passato e presente, perché da sempre la tipicità e la freschezza della merce unite al rapporto umano tra “mercataro” e cliente fanno di questi punti vendita dei luoghi di eccellenza.

Carlo Latini, che con il fratello Domenico gestisce un banco di frutta da vent’anni, ricorda di aver frequentato il mercato sin da piccolo, quando era sua nonna la proprietaria.

Per certe cose - dice - tutto è rimasto come una volta. Il rituale, per esempio, è ancora lo stesso, apertura, scarico, sistemazione della merce. E poi… ci sono banconisti da decenni. Ai quali si sono aggiunti volti nuovi.

Ma i veri protagonisti sono i prodotti, freschi e genuini. Gli odori, alle volte pungenti, per lo più gradevoli in una mescolanza varia e imprevedibile, guidano al banco prescelto e noto o a quello accattivante con una scia che si apre la strada nella concorrenza.

Dai sottoli ai sottaceti, dalle olive ai funghi, dai cosci d’abbacchio ai tranci di pesce spada, frutta e verdura di ogni genere, accanto alla “cicoria” il “cavolo cinese” e, più in là, la “trippa”.

E poi il prosciutto, del resto i “norcini” avevano fatto conoscere il meglio dell’Umbria, così come dal sud erano giunte le specialità più note collocate accanto alla verace produzione laziale.

Non può mancare l’invito a partecipare a questo trionfo dei sensi. “Fare la dieta non serve a niente” recita un cartello in bella vista.

Informazioni Generali

Frequenza: Giornaliero
Accessibilità disabili: si
Orario di apertura: Lunedì-Sabato dalle 7:00 alle 15:00
Ortofrutta (n. attività): 8
Ittico (n. attività): 2
Carne (n.attività): 4
Gastronomia (n. attività): 6
Fiori (n. banchi): 1
Prodotti per la casa (n. attività): 1
Abbigliamento e accessori (n. attività): 2
Altro (n. attività): 3
Servizi (n. arttività): 1

Riferimenti/Contatti

Dati aggiornati al 2011
© 2014 unicaitalia / methos / all right reserved
Oggetto aggiunto al tuo carrello