Il nostro sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti per inviare materiale informativo in linea con le tue preferenze.
Per maggiori informazioni e per negare il consenso al loro utilizzo leggi l'informativa.   Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Mercato Latino

Photogallery
1083
Mercato Latino
Piazza Epiro 183 00183 Roma (RM) Lazio

Info Mercato

Descrizione:

Quando il mercato è qualcosa di più.

Te ne rendi conto dalle parole di Francesco Loreti, da 30 anni nel settore degli alimentari e preziosa guida tra i banchi di Piazza Epiro. Siamo nel quartiere Latino-Metronio, nei pressi di San Giovanni ed il mercato è da sempre punto di aggregazione per tutti gli abitanti. Sorto nell’immediato dopoguerra dall’unione di numerosi mercatini dislocati nella zona, ora, nella sua veste completamente rinnovata, dispone di 56 negozietti rosso mattone sormontati da un’ampia copertura.

Sono 4 gli alimentari, 5 le macellerie e 3 le pescherie. C’è anche un’erboristeria, segno dei nuovi tempi e non mancano scarpe e borse di qualità. Dietro ai banchi, tutti professionisti, gente esperta. È un lavoro che non si improvvisa, spesso si tramanda per generazioni e Francesco ne è la dimostrazione vivente. A 17 anni al Pigneto, poi in via Enea e adesso in piazza Epiro, la sua seconda casa di cui parla con passione e competenza. Un “Pizzicarolo” nel dna, dal padre originario di Norcia ha appreso i segreti del mestiere. “Qualità e cortesia” il suo motto e anche “meglio poco ma buono” da scegliere tra prodotti umbri come il prosciutto lavorato a regola d’arte o i “cojoni di mulo”, autentica specialità . C’è chi apprezza la degustazione di formaggi particolari e, “magara”, si toglie uno sfizio. - La merce è adeguata alla clientela - dice il nostro amico - i banchi a prezzi stracciati hanno retto poco.-

La confidenza con i clienti si tramuta anche in collaborazione - Se c’è qualche problema ci si aiuta - dice. Un vero capo tribù. È la tradizione a fare dei mercati rionali luoghi unici, caratterizzati, a volte, da rituali antichi. La trattativa, ad esempio, ha il sapore d’altri tempi ma per i clienti qualche centesimo di risparmio può avere ancora valore.

Di contro, notevoli sono i cambiamenti e Francesco si sofferma sui nuovi ritmi di vita che trasformano anche il volto del commercio.

- Di sabato - dice - il lavoro aumenta perché si fa la scorta per la settimana. Negli altri giorni c’è più calma e tempo per le classiche quattro chiacchiere con chi viene per distrarsi, come l’anziana signora accompagnata dalla badante.
E allora parliamo di tutto, della famiglia, dei nipoti, della pressione che sale e che scende. Anche questo dà senso al nostro lavoro - sintetizza fiero il norcino e poi “incorona” Augustarello, pescivendolo più che settantenne, arzillo come un giovanotto, il vero depositario della memoria storica del mercato.

- Ha l’età di mio padre e come a un padre je vojo bene… È lì da sempre, la madre aveva un banco. Se po’ dì che c’è nato… Conosce vita, morte e miracoli di tutti e appartiene alla razza dei classici “mercatari” con lo stivale slacciato e i calzonacci. Un mito. Quando c’era più richiesta - prosegue Francesco - lo aiutavamo a scaricare pesci spada persino da 250 chili. - E nel tono della voce si sentono rispetto e ammirazione. - Lui è uno che ispira fiducia, non te la darebbe mai ‘na fregatura… -

Informazioni Generali

Accessibilità disabili: si
Orario di apertura: Lun - Giov 7:00-14:00 Ven e Sab fino alle 19.30
Ortofrutta (n. attività): 11
Ittico (n. attività): 3
Carne (n.attività): 5
Gastronomia (n. attività): 4

Riferimenti/Contatti

Dati aggiornati al 2011
© 2014 unicaitalia / methos / all right reserved
Oggetto aggiunto al tuo carrello